Jump menu

Main content |  back to top

News and Media Releases

Shell sta considerando la potenziale cessione di parte delle attività Downstream in Italia

Shell annuncia oggi che sta considerando la potenziale cessione dei business Rete, Aviazione, Supply e Distribuzione in Italia.

Lubrificanti Extra-rete e Marina non fanno parte di questo annuncio. Questo annuncio non ha alcun impatto sui business Upstream e Gas & Power, che offrono consistenti opportunità di crescita per Shell in Italia.

La potenziale cessione è in linea con la strategia Shell volta a concentrare le attività globali del business Downstream dove queste possono essere più competitive. Esempi recenti sono quelli della cessione delle raffinerie nel Regno Unito e in Germania e delle attività Downstream in Finlandia e in Svezia, oltre alla costituzione di joint venture in Brasile e in Africa.

L’Italia continua ad essere un paese importante per Shell.

Per ulteriori informazioni:

Ufficio stampa Shell Italia

tel. +39 02 6110.3865

e-mail: ea-italy@shell.com

Note per la stampa:

Shell, in Italia dal 1912, è presente oggi con importanti attività nell’esplorazione di idrocarburi off-shore, detenendo due istanze di permesso di ricerca nel mar Jonio, e nello sviluppo e produzione di idrocarburi onshore, con i progetti Val d’Agri e Tempa Rossa in Basilicata. Il giacimento della Val d’Agri, in joint-venture con ENI che è l’operatore, produce oggi circa 100.000 barili di olio equivalente al giorno (boe/d).

Il giacimento di Tempa Rossa, in joint-venture con Mitsui e Total E&P Italia S.p.A. che è l’operatore, ha una capacità produttiva giornaliera a regime di 50.000 barili di petrolio e si stima possa entrare in produzione ad inizio 2016.

Shell è inoltre presente in Italia con la commercializzazione business to business di gas naturale, lubrificanti e carburanti aviazione e con la vendita di prodotti petroliferi attraverso una rete di circa 870 stazioni di servizio.