Roma – Shell Italia E&P, società del gruppo anglo-olandese Royal Dutch Shell, è la prima azienda operante nel settore energetico in Italia ad essere stata ammessa al “regime di adempimento collaborativo” (“cooperative compliance”), previsto dal Dlgs. 128/2015. 

La notifica, in virtù della quale la società è stata iscritta nel registro – consultabile sul sito web dell’Agenzia delle Entrate – delle aziende che operano in piena trasparenza con l’Autorità fiscale italiana, è arrivata a valle dell’esito positivo delle verifiche effettuate dai funzionari dell’Agenzia durante gli oltre dodici mesi trascorsi dall’inoltro della domanda di ammissione da parte di Shell Italia E&P.

Il risultato – che per l’azienda guidata da Marco Brun rappresenta un ulteriore passo avanti nella ricerca di una sempre maggiore efficienza e trasparenza dei sistemi di controllo interni – ha premiato in particolare il soddisfacimento di un requisito essenziale, ossia il possesso di un efficace sistema di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale – inteso quale rischio di operare in violazione di norme di natura fiscale o in contrasto con i principi o con le finalità dell'ordinamento tributario – come parte integrante del più ampio Tax Control Framework.

Oltre all’obiettivo, perseguito tramite l’interlocuzione costante, di instaurare un rapporto di fiducia tra l’Autorità fiscale e Shell Italia E&P che punta ad accrescere il livello di certezza sulle questioni fiscali rilevanti, il regime di “cooperative compliance” consentirà a Shell Italia E&P di discutere preventivamente con l’Agenzia delle Entrate situazioni suscettibili di generare rischi fiscali prima della presentazione delle dichiarazioni fiscali. In tal modo è possibile gestire le situazioni di incertezza attraverso un confronto preventivo su elementi di fatto che può ricomprendere anche l’anticipazione del controllo e si presta, pertanto, a prevenire e a risolvere anticipatamente le potenziali controversie fiscali. 

Shell Italia E&P va così ad aggiungersi al gruppo delle aziende ammesse alla “cooperative compliance”, che ad oggi annovera Ferrero, Fineco, Leonardo, Prada e Unicredit.

Per Informazioni: 

Luca Del Pozzo
Responsabile Relazioni Esterne Upstream
Tel. +39 06 69956001
del-pozzo.luca@shell.com

Note: 

Shell ha iniziato a lavorare in Italia dal 1912, dove è presente con importanti attività nell’esplorazione e produzione di idrocarburi, con la produzione e commercializzazione di lubrificanti, la vendita di gas naturale a clienti industriali, nonché una joint-venture operante nel settore degli additivi chimici e partnership tecniche di rilevanza globale con Ferrari e Ducati Corse.

Shell Italia E&P S.p.A. è presente in Italia dal 2002 ed è la maggiore società straniera nel settore upstream con attività di ricerca, sviluppo e produzione di idrocarburi liquidi e gassosi. Le attività di sviluppo e produzione sono attualmente concentrate in Basilicata nei due importanti progetti Val d’Agri e Tempa Rossa. 

www.shell.it