Milano, 11 luglio 2018 Si è appena conclusa a Londra la 34°edizione della Shell Eco-Marathon Europe, il più importante progetto di educazione e formazione sulla mobilità sostenibile. La competizione ha visto sfidarsi veicoli avveniristici progettati da studenti delle scuole superiori e delle Università di tutta Europa per conquistare il titolo di auto con la miglior performance energetica.

Dal 5 all’8 luglio, il Queen Elizabeth Olympic Park ha ospitato oltre 15.000 visitatori tra studenti e millennial che hanno avuto modo di ammirare veicoli futuristici ideati e collaudati nel corso degli ultimi 12 mesi da giovani aspiranti ingegneri.

Ben 147 team, provenienti da 27 Paesi europei, hanno gareggiato su un circuito urbano di circa 1 Km per decretare il veicolo in grado di percorrere la maggior distanza possibile con l’equivalente di un litro di carburante o un kWh di energia.

I risultati dei team italiani

Per l’Italia hanno partecipato 6 team composti da studenti provenienti da 3 Regioni - Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte - con 3 veicoli nella categoria PROTOTIPI e 3 in quella URBAN CONCEPT.

Il team H2politO - Molecole da corsa del Politecnico di Torino ha conquistato il 2° posto della categoria PROTOTIPI alimentati a idrogeno con il veicolo “IDRAkronos” che ha registrato un consumo di 755 km/m3.

Anche il team Zero C dell’Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci di Carpi è salito sul podio posizionandosi 3° nella categoria PROTOTIPI alimentati a batteria elettrica. Con il veicolo “Escorpio Evo 2”, gli studenti emiliani sono riusciti a imporsi su quasi 30 team concorrenti, ottenendo un risultato di 603 km/kWh.

La categoria URBAN CONCEPT ha visto trionfare il team FAENZAitiRACING dell’Istituto d’Istruzione Superiore Tecnica Industriale Professionale L. Bucci di Faenza che si è classificato 3° grazie al veicolo “NOVA-Student” alimentato a gasolio (Diesel) che ha registrato 226 km/l.

E ancora per la categoria URBAN CONCEPT, il team mecc-E del Politecnico di Milano ha ottenuto il 5° posto con il veicolo a batteria elettrica “Daphne”, che ha percorso 130 km/kWh.

Giunta ormai alla sua 34esima edizione, la Shell Eco-Marathon si conferma ancora una volta un progetto nel quale gli studenti italiani credono fortemente e che li vede concentrare il proprio impegno verso il raggiungimento di obiettivi di efficienza energetica sempre più ambiziosi” - commenta Valeria Contino, Responsabile Relazioni Esterne Shell Italia O.P. - Oltre alle performance ottenute in pista, lo spirito di collaborazione, la passione e la professionalità di tutti i team partecipanti rappresentano i risultati principali conseguiti anche quest’anno dal progetto.

Per maggiori informazioni sulla Shell Eco-marathon Europe visita www.shell.com o segui i profili Facebook e Twitter. Per maggiori informazioni su Make the Future visita www.shell.co.uk/makethefuture

Per visionare e scaricare le immagini della competizione visita il canale Flickr.

Contatti media

Shell Italia                          
Valeria Contino
Responsabile Relazioni Esterne Shell Italia O.P
v.contino@shell.com

Burson-Marsteller per Shell
Donatella Ierardi
donatella.ierardi@bm.com

Martina Lusi                      
martina.lusi@bm.com

La storia della Shell Eco-marathon in Europa ha avuto inizio nel 1985. La competizione rappresenta, oggi come allora, il più importante progetto di educazione e formazione sulla mobilità sostenibile, destinato ai giovani di tutto il mondo. Il progetto è stato concepito e realizzato per promuovere valori quali il rispetto dell’ambiente, l’efficienza energetica, il riconoscimento della diversità individuale e culturale.

Durante i giorni di gara si è svolto, inoltre, il festival “Make the Future Live” che intende promuovere idee brillanti e possibili soluzioni per fronteggiare le sfide energetiche della società moderna.

Shell Eco-marathon è un progetto promosso a livello globale in tre edizioni:

  • Shell Eco-marathon Europe
  • Shell Eco-marathon America
  • Shell Eco-marathon Asia